Massimario Ragionato Fallimentare

a cura di Franco Benassi
apri l'articolo del codice

Articolo 69-bis ∙ (Decadenza dall'azione e computo dei termini)




Amministrazione straordinaria
Amministrazione straordinaria, termine per esperibilità della azione revocatoria
Tutte le MassimeCassazione
Ambito di applicazione del termine di decadenza ex art. 69-bis l.f.Natura decadenziale del termine di cui all'articolo 69-bis l.f.Decadenza dall'azione revocatoria ordinaria o fallimentareRilevabilità della decadenza ed eccezione di parteDecorrenza del termine di cinque anni per azione revocatoria ordinariaEccezione revocatoriaPrescrizione dell'azione

Consecuzione tra procedure concorsuali
Accertamento
Principio di consecuzione tra procedureAccordo di ristrutturazione dei debiti e consecuziuone tra procedure minoriConcordato e fallimento, termini per l'esercizio dell'azione revocatoriaConcordato preventivo e termine per l'esercizio dell'azione revocatoria dell'atto personale del socio fallitoConsecuzione tra procedure di concordato preventivoConsecuzione tra fallimento e liquidazione del patrimonioInefficacia delle ipotecheConcordato con riserva o in biancoAtti risalenti al periodo di pendenza del concordato preventivoRegime transitorio

Amministrazione straordinaria
Amministrazione straordinaria, termine per esperibilità della azione revocatoria
Amministrazione straordinaria, termine di decadenza dalla azione revocatoriaAmministrazione straordinaria, termine di prescrizione della azioneAmministrazione straordinaria già pendenti al 16 luglio 2006 e termini di decadenza




Amministrazione straordinaria
Amministrazione straordinaria, termine per esperibilità della azione revocatoria

Consecuzione delle procedure – Concordato preventivo e amministrazione straordinaria
L’art. 69-bis l.f., nel prevedere la decorrenza dei termini di cui agli artt. 64, 65, 67 primo e secondo comma e 69 l. fall. non più dalla data di ammissione al concordato bensì da quella di pubblicazione della relativa domanda, ha inteso estendere la nozione di consecuzione anche all'ipotesi, mai contemplata dalla giurisprudenza, in cui tale domanda sia stata dichiarata inammissibile ai sensi del secondo comma dell'art. 162 l. fall. e la procedura minore non si sia, di fatto, neppure aperta.

Tale principio è applicabile anche alla amministrazione straordinaria, la quale appartiene senza dubbio al novero delle procedure di insolvenza, nel qual caso, il termine per l’esercizio dell’azione revocatoria decorrerà dalla instaurazione della prima procedura. (Redazione IL CASO.it) (riproduzione riservata) Cassazione civile, sez. I, 13 Settembre 2021, n. 24632.