Il Caso.it, Sez. Giurisprudenza, 9154 - pubb. 24/06/2013

Morte di cointestatario (c/c a firma disgiunta)

ABF Roma, 27 Marzo 2013, n. 1673. Est. Leproux.


Conto corrente bancario – Cointestazione – Firma disgiunta – Morte di un cointestatario – Poteri degli altri.



Nel caso di conto corrente cointestato con firma disgiunta, ciascun cointestario ha separato potere di disporre del conto, e per l’intero, anche in caso di morte o di sopravvenuta incapacità di uno degli altri cointestatari. (1) (Aldo Angelo Dolmetta, Ugo Minneci, Ugo Malvagna) (riproduzione riservata)


Segnalazione del Prof. Aldo Angelo Dolmetta – D&S Studio Legale Associato



Il testo integrale


(1) Nella specie, la banca restistente aveva «congelato» una somma, pari a 2/12 del montante del conto, «in attesa che fosse reclamata dal coerede residente all’estero» (la persona che esigeva il saldo comulava, alla posizione di coerede, quella di cointestatario).