Il Caso.it, Sez. Giurisprudenza, 24308 - pubb. 06/10/2020

Questione di competenza a conoscere delle azioni di responsabilità e di revocatoria proposte in unico giudizio avanti il tribunale delle imprese

Tribunale Venezia, 16 Luglio 2019. Pres. Liliana Guzzo. Est. Lisa Torresan.


Azione revocatoria – Azione di responsabilità – Commessione – Esclusione – Competenza del tribunale delle imprese – Esclusione – Competenza per territorio



Non vi è alcuna connessione tra le azioni di responsabilità e di revocatoria, essendo diverse le "causae petendi" ed i "petita" delle due azioni, le quali, ove proposte congiuntamente avanti allo stesso giudice danno luogo a mero cumulo oggettivo e soggettivo di domande diverse proposte per titoli diversi nei confronti di soggetti in parte diversi.

[In ragione di ciò, la Sezione specializzata in materia di imprese del Tribunale di Venezia, adita con ricorso per sequestro conservativo, ha confermato, in sede di reclamo, la decisione con la quale il Giudice designato, aveva  rilevato l’incompetenza della Sezione Specializzata Imprese, limitatamente all’azione revocatoria, facendo propria la recente pronuncia della Corte di Legittimità n. 15982/2018 che ha ristretto i casi di connessione giustificanti l’attrazione alla competenza della Sezione Specializzata in Materia di Impresa, come stabilita ex art. 3 comma 3 d.l.vo 168/2003. Il Collegio ha altresì ritenuto corretta l’ordinanza impugnata, laddove ha ritenuto che, applicando correttamente le norme sulla competenza per materia, le quali portano a sottrarre la controversia alla competenza della Sezione Specializzata quale Tribunale distrettuale, il giudizio, in base agli ordinari criteri che distribuiscono la competenza per territorio, si sarebbe dovuto instaurare innanzi al Tribunale di Verona, competente non solo a conoscere tutte le cause derivanti dal fallimento, secondo il rito fallimentare, ma anche a decidere sull’azione revocatoria ordinaria promossa dalla curatela nei confronti dell’odierno amministratore in bonis e dei compartecipi degli atti in fronde ai creditori.] (Franco Benassi) (riproduzione riservata)


Massimario Ragionato



Il testo integrale