Il Caso.it, Sez. Giurisprudenza, 9632 - pubb. 28/10/2013

Amministrazione straordinaria, custode giudiziario nominato prima della dichiarazione di insolvenza e natura privilegiata del compenso

Tribunale Roma, 21 Ottobre 2013. Est. Luisa De Renzis.


Amministrazione straordinaria – Custode giudiziario nominato nella fase antecedente alla dichiarazione di insolvenza – Compenso – Privilegio ex art. 2751-bis n. 2 c.c. – Sussistenza.



Il credito relativo al compenso maturato dal custode giudiziario nominato dal Tribunale nella fase anteriore alla dichiarazione di insolvenza della società gode, nella successiva procedura di amministrazione straordinaria, oltre che della prededuzione ex art. 111 l. fall., anche del privilegio di cui all’art. 2751-bis n. 2 c.c., in considerazione sia della spettanza di detta prelazione ad ogni prestatore d’opera, anche non intellettuale, sia della connotazione dell’attività concretamente svolta dal custode (nella specie, ritenuta improntata non solo alla tipica amministrazione dell’impresa, ma anche alla verifica della situazione economico-patrimoniale della società) (Francesco Dimundo) (riproduzione riservata)


Massimario Ragionato



Segnalazione dell'Avv. Francesco Dimundo


Il testo integrale