Il Caso.it, Sez. Giurisprudenza, 24847 - pubb. 10/02/2021

Verifica della tempestività dell'avviso di convocazione dell'assemblea dei condomini

Cassazione civile, sez. II, 30 Ottobre 2020, n. 24041. Pres. Lombardo. Est. Scarpa.


Avviso di convocazione - Natura di atto recettizio - Conseguenze - Verifica della tempestività dell'avviso - Condizioni - Riferimento alla data fissata per l'adunanza in prima convocazione - Necessità - Fondamento



Ogni condomino ha il diritto di intervenire all'assemblea e deve, quindi, essere messo in condizione di poterlo fare, con la conseguente necessità che l'avviso di convocazione, previsto dall'art. 66, comma 3, disp. att. c.c. nel testo vigente "ratione temporis", quale atto unilaterale recettizio, sia, non solo, inviato, ma anche ricevuto nel termine ivi stabilito di almeno cinque giorni prima della data fissata per l'adunanza, avendo riguardo alla riunione dell'assemblea in prima convocazione. (massima ufficiale)


Il testo integrale