Il Caso.it, Sez. Giurisprudenza, 14025 - pubb. 20/01/2016

Incompatibilità del giudice che abbia trasmesso gli atti al pubblico ministero per la richiesta di fallimento. Abbreviazione d'ufficio del termine a comparire di cui all'articolo 15 l.f.

Cassazione civile, sez. I, 13 Marzo 2015, n. 5098. Est. Bernabai.


Fallimento - Procedimento - Incompatibilità del giudice che abbia trasmesso gli atti al pubblico ministero affinché valuti se richiedere il fallimento - Esclusione

Fallimento - Procedimento - Abbreviazione di ufficio del termine a comparire - Ammissibilità - Interesse pubblico alla tutela della par condicio creditorum



Non sussiste alcuna incompatibilità, in sede di decisione sul ricorso per fallimento, del magistrato che in precedenza abbia trasmesso gli atti al pubblico ministero affinché valuti se instare per la dichiarazione di fallimento. La natura neutra e non decisoria di tale segnalazione ex art. 7, n. 2, legge fall. all'esito della mera delibazione di elementi sintomatici dell'insolvenza emersi nell'ambito di un ordinario giudizio di cognizione, non è tale da condizionare la successiva imparzialità di giudizio ed esigere quindi il dovere di astensione a pena di violazione del principio di terzietà del giudice ex art. 111 Cost. (Cass., sez. unite, 18 aprile 2013, n. 9409); nè tanto meno si tratta di duplicazione di accertamento in due diversi gradi di giudizio (Cass, sez. unite, 15 giugno 2012, n. 9857). (Franco Benassi) (riproduzione riservata)

In tema di procedimento per dichiarazione di fallimento, l'abbreviazione di ufficio del termine per comparire non trova alcun ostacolo nella lettera dell'art. 15 legge fall. ed appare giustificata dall'interesse pubblicistico alla tutela della par condicio creditorum. (Nel caso di specie, il giudice del merito aveva ritenuto che la par condicio creditorum fosse a rischio di compromissione a causa dell'imminente consolidamento di ipoteche giudiziali iscritte su immobili dell'impresa). (Franco Benassi) (riproduzione riservata)


Segnalazione della Dott.ssa Paola Castagnoli


Il testo integrale