Il Caso.it, Sez. Giurisprudenza, 23060 - pubb. 11/01/2019

Fallimento del socio e scioglimento del singolo rapporto sociale per alienazione della partecipazione del socio

Cassazione civile, sez. I, 21 Gennaio 2015, n. 1046. Pres. Ceccherini. Est. Loredana Nazzicone.


Scioglimento del singolo rapporto sociale per alienazione della quota - Opponibilità ai terzi - Condizioni - Pubblicità ex art. 2290, secondo comma, cod. civ. - Mancata iscrizione della compravendita nel registro delle imprese - Estensione del fallimento al socio cessato - Possibilità



Lo scioglimento del singolo rapporto sociale per alienazione della partecipazione del socio, di cui non sia stata data adeguata pubblicità, ai sensi dell'art. 2290, secondo comma, cod. civ., mediante iscrizione nel registro delle imprese, è inopponibile ai terzi, producendo i suoi effetti solo in ambito societario, e, come tale, non preclude l'estensione del fallimento al socio stesso, ex art. 147 legge fall., malgrado l'essere avvenuta la vendita della quota oltre un anno prima della sentenza dichiarativa di fallimento, atteso che il rapporto societario, per quanto concerne i terzi, a quel momento deve considerarsi ancora in essere. (massima ufficiale)


Massimario Ragionato



Il testo integrale