Il Caso.it, Sez. Giurisprudenza, 23877 - pubb. 18/07/2020

Presenza frequente del notaio presso recapiti stabili di organizzazioni per rogare

Cassazione civile, sez. II, 12 Febbraio 2020, n. 3458. Pres. Petitti. Est. De Marzo.


Notariato - Sanzioni disciplinari - Dovere d'imparzialità - Art. 31 dei principi di deontologia professionale - Interpretazione - Presenza frequente del notaio presso recapiti stabili di organizzazioni – Violazione - Fondamento



E' contraria, ai sensi dell'art. 31, lett. f, dei principi di deontologia professionale dei notai, la presenza frequente del notaio presso recapiti stabili di organizzazioni per rogare, trattandosi di un comportamento idoneo a turbare le condizioni che ne assicurano l'imparzialità, e visto come un concorso consapevole del notaio a una scelta etero-diretta del professionista. Il dovere d'imparzialità del notaio, infatti, va inteso in termini di astensione da comportamenti che, in via preventiva e di garanzia dell'immagine della categoria, influiscono sulla designazione del professionista. (massima ufficiale)


Il testo integrale