Il Caso.it, Sez. Giurisprudenza, 24133 - pubb. 08/09/2020

Fallimento ed effetti della desistenza del creditore istante

Cassazione civile, sez. VI, 30 Giugno 2020, n. 13187. Pres. Maria Giovanna C. Sambito. Est. Falabella.


Fallimento - Desistenza - Effetti - Dopo la deliberazione della sentenza - Esclusione



In tema di dichiarazione di fallimento, la desistenza del creditore istante, non accompagnata dall'estinzione dell'obbligazione, in quanto atto di natura meramente processuale rivolto, al pari della domanda iniziale, al giudice, è inidonea a spiegare i propri effetti qualora venga depositata allorché il procedimento prefallimentare sia stato definito con la deliberazione della decisione, anche se questa non sia stata ancora pubblicata. (massima ufficiale)


Massimario Ragionato



Il testo integrale